Pannello Login
Benvenuti sul sito ufficiale di Seshi
Seguici anche sui nostri canali social
open close

CODICE ETICO

1. Principi generali

Motivazione etica
Tutti i consiglieri sono consapevoli delle proprie responsabilità nei confronti della Sezione di Razza e dei Soci con i quali intrattengono rapporti di collaborazione.
Il presente Codice etico definisce, innanzitutto, l’insieme di valori che la SESHI riconosce, accetta e condivide e, l’insieme delle responsabilità che lo stesso assume verso i suoi soci ispirandosi ai principi di correttezza e trasparenza nella conduzione della sezione stessa.

Destinatari
Le disposizioni contenute nel Codice Etico si applicano ai Consiglieri, senza alcuna eccezione e a tutti coloro che direttamente o indirettamente vogliano instaurano un rapporto con la Sezione stessa, stabilmente o anche solo temporaneamente.
I consiglieri occupando una posizione di responsabilità sono tenuti ad essere d’esempio per i soci, indirizzandoli all’osservanza del Codice stesso.

Accettazione
Il presente Codice Etico è accettato dal Consiglio della SESHI.

1.2 Principi etici e morali
Di seguito sono illustrati i principi di riferimento che rappresentano i valori fondamentali cui i destinatari del Codice devono attenersi nel perseguimento degli obiettivi della sezione. Le disposizioni ivi contenute hanno valore primario ed assoluto ed in nessun caso la convinzione di agire a vantaggio della sezione giustifica comportamenti in contrasto con i principi del Codice stesso.

Correttezza, lealtà ed onestà
La Sezione si impegna a gestire i rapporti con tutti i soci secondo principi di correttezza, lealtà ed onestà. Ogni consigliere è responsabile delle proprie azioni. Non verrano tollerati
comportamenti atti a mettere in discussione l’integrità della Sezione e la sua credibilità. Ogni consigliere è tenuto a rispettare le regole della buona educazione evitando commenti non appropriati e mantenendo un comportamento etico.
Con riferimento ai social network, ogni consigliere è responsabile delle proprie azioni, pertanto l’uso del web, le prese di posizione e i commenti non possono risultare lesivi per la Sezione, per qualsiasi persona fisica/giuridica o animale e dovrà sempre e comunque garantire il rispetto e la trasparenza della stessa.
La Seshi ed i suoi membri dovranno essere super partes (al di sopra delle parti), ovvero assumere una posizione neutrale. I consiglieri dovranno astenersi dal condurre guerre di opinione nella rete attraverso messaggi e contromessaggi, evitando di fare riferimenti a terze persone o animali. Il Consigliere che agisce nel nome della Sezione dovrà sempre farlo nel pieno rispetto dei principi di verità, correttezza, trasparenza, lealtà, propri, della Seshi e degli altri membri del Consiglio.
Ciascun destinatario del Codice Etico orienta i propri comportamenti, alla tutela dell’immagine della Sezione, nella consapevolezza che la buona reputazione e la credibilità costituiscono irrinunciabili risorse immateriali della Sezione stessa.
Ogni Consigliere:

  • impronta i propri comportamenti sulla osservanza dei principi di tutela e rispetto della persona umana, degli animali, sulla lealtà, sulla correttezza nei rapporti personali e su logiche operative impostate sull’integrazione e collaborazione interfunzionale, sulla responsabilizzazione delle persone, sullo spirito di squadra e sul rispetto dei rapporti gerarchici e funzionali al fine di perseguire gli obiettivi della sezione;
  •  tratta con assoluta riservatezza dati, notizie ed informazioni di cui viene in possesso evitandone la diffusione o l’uso a fini speculativi propri o di terzi e, in ogni caso, salvaguardando i principi di lealtà, correttezza e trasparenza innanzi richiamati.
  • dimostra, nei rapporti con qualsiasi interlocutore con cui viene in contatto, doti d’integrità morale, evitando comportamenti che possano mettere in dubbio tale sua qualità;
  • protegge e custodisce i valori e i beni che gli sono stati affidati e contribuisce alla tutela della Sezione;
  • si astiene dal richiedere, direttamente o indirettamente, raccomandazioni ed ogni altro trattamento di favore in contrasto con i principi fissati nel presente Codice etico.

Valorizzazione delle sezione
Ogni consigliere è tenuto a volorizzare la Sezione partecipando attivamente agli incontri formativi ed informativi che verranno svolti durante l’intero anno, il tutto per consolidare la crescita e garantire il miglior servizio ai propri associati.
Tutela della salute
I Consiglieri sono tenuti ad addottare tutte le misure necessarie per garantire il benessere dei propri animali ed in particolare:
1. Mantenere gli stessi nelle migliori condizioni di benessere e salute, con adeguate cure, pulizia, igiene, esercizio fisico e contatto con le persone.
2. Rispettare la normativa vigente sul benessere degli animali.
3. Impegnarsi ad approfondire le conoscenze sulla razza, sul suo standard morfologico, sulle problematiche sanitarie e sulle caratteristiche comportamentali e funzionali, in modo da interpretare correttamente gli obiettivi di selezione.
4. Selezionare con l’obiettivo di migliorare la qualità della razza, secondo quanto previsto dallo standard di razza ufficiale (FCI).
5. Non agire come prestanome per la registrazione al libro genealogico di riproduttori o di cucciolate.
6. Far riprodurre solo cani iscritti al libro genealogico italiano o a libri esteri riconosciuti dalla Federazione Cinologica Internazionale.
7. Far riprodurre cani sani, cioè privi di malattie manifeste o impedimenti a una corretta funzionalità o portatori di patologie ereditarie rilevate.
Tutela della privacy
La Sezione adotta tutti gli strumenti e le modalità necessarie per assicurare la riservatezza dei contenuti delle banche dati e degli archivi personali e si adopera affinché siano osservati gli adempimenti previsti dalle attuali normative in materia di privacy.

Diffusione del codice etico
Il presente Codice sarà portato a conoscenza di ogni componente del Consiglio, nonché a tutti coloro che instaurano rapporti con la Sezione, mediante apposite attività di informazione e comunicazione.

Modifiche al Codice etico
Il Codice etico va visto come strumento suscettibile di modifiche ed integrazioni in funzione dei mutamenti esterni e/o interni alla Sezione, delle evoluzioni normative e delle esperienze applicative maturate.
Le modifiche e/o integrazioni al Codice Etico dovranno essere deliberate dal Consiglio del CIRN.

Nome disciplinari
Le violazioni al Codice etico vanno disciplinate attraverso il collegio dei Probiviri del CIRN, secondo le modalità previste anche per i soci dell’associazione.

Il Consiglio Se.S.H.I. – 2015/2017:





     
Small subtitle

Facebook widget

Small subtitle

Video dal nostro Canale YouTube